Un mercoledì-veg di metà luglio

 

Un mercoledì-veg di metà luglio
Un mercoledì-veg di metà luglio

 

Avete mai mangiato le foglie di carota?

IMG_9190

Io le ho provate per questo #mercoledìveg come contorno al muscolo di grano con le cipolle – oltre ad un pinzimonio di carotine mignon.

Mi era capitato negli ultimi giorni di sentire o leggere della commestibilità e bontà dei ciuffi verdi delle carote e stasera, ritrovandomi con delle carotine molto giovani, biologiche e appena colte ho pensato che fosse l’occasione giusta per cimentarmi. Spulciando qua e là ho scelto una ricetta che potesse fungere da contorno (molti le consigliano per un pesto o per la frittata):

le foglie di carota in padella

– ciuffi di foglie di un mazzo di carote

– capperi

– uno spicchio d’aglio

– olio

– vino bianco

– pomodorini semisecchi sott’olio

(volendo insieme ai capperi si può aggiungere qualche acciuga ma non per il mercoledì-veg!)

Lavare bene i ciuffi di carota, eliminando buona parte del gambo a meno che non sia particolarmente tenero, e sbollentarli per 3-4 minuti.

IMG_9192

Intanto saltare in padella con olio, uno spicchio d’aglio e qualche cappero tritato grossolanamente; dopo aver scolato piuttosto bene le erbe, sminuzzarle e buttarle nella padella a fuoco vivace per qualche minuto dopodiché versarci sopra due dita di vino bianco e lasciar evaporare sempre a fuoco sostenuto. Quando il vino sarà volato via aggiungere qualche pomodorino semisecco sott’olio (io uso i FiorFiore Coop che mi piacciono tantissimo!). Pepare e lasciar cuocere aggiungendo un po’ d’acqua se necessario.

IMG_9191

Mi sono risultate comunque poco tenere ma credo dipenda proprio dalla loro natura. Il sapore non era male e mi ha ricordato qualcosa che ancora però non sono riuscita ad individuare…

E il muscolo di grano lo conoscete? 

Straccetti di muscolo di grano
Straccetti di muscolo di grano

Si tratta, come concetto, di qualcosa di simile al seitan ma che sinceramente trovo più buono oltre a non essere interamente fatto di glutine – ma anche di legumi, in particolare lenticchie – cosa che mi rende, non so bene perché, poco simpatico il seitan appunto.

Io l’ho conosciuto tramite il mio (mitico) gruppo d’acquisto ma ora si trova anche alla Coop, della stessa azienda solo con un packaging più figo (bah, neanche tanto figo).

Non tutti i formati mi piacciono, si va dal filetto allo spezzatino alla bresaola, soprattutto per come vengono drogati ma anche perché alcuni rimangono poco morbidi; mi piacciono molto però gli straccetti, che rimangono morbidi, sono conditi in un modo che mi piace e in 5-10 minuti sono pronti. Buon giorno-veg, qualunque sia, anche tutti!

IMG_9194

 

Pistou e la cena dei bicchieri

 

IMG_8182

In fatto di tendenze sul cibo, ultimamente va per la maggiore la pratica di servire le pietanze usando barattoli al posto dei piatti. Una cosa che mi piace molto devo dire e che si presta agli usi più differenti: ideale per il pic-nic, per la gavetta (vedi schiscetta, lunch box, gamella, pranzo al sacco ecc…) ma anche per una cena servita in modo inusuale. I barattoli si possono usare anche per regalare biscotti e zuppe in vaso: il dono consiste in un barattolo contenente gli ingredienti secchi già misurati cui il beneficiario dovrà aggiungere quelli umidi che voi gli avrete segnalato nella ricetta infiocchetata a corredo del barattolo.

A me invece piace la cucina in bicchiere.

Avevo già assecondato la mia idea per qualche tartare di pesce ma quando in libreria ho visto il libro con le ricette di José Maréchal “Bicchieri golosi” – edito da Guido Tommasi editore – ho subito sognato un giro per mercatini alla ricerca di vetri e cristalli. Poi però mi sono frenata assicurandomi prima, che il libro arrivasse in mio possesso.

Ed eccolo qui! Decisamente all’altezza delle mie aspettative.

IMG_8096

Non ho resistito e prima ancora di averlo letto con cura – molto prima, dopo neanche 40 pagine – ho deciso di buttarmi e di (non) perdermi in un bicchier (d’acqua). Seguendo dal libro la ricetta del pistou per una pasta fredda molto semplice ma d’effetto e progettando alcuni “bicchieri” basandomi invece sui piatti che preparo con frequenza – quelli che, per intendersi, se si trattasse di un provino, sceglierei come monologhi da presentare – ho deciso di dedicare la domenica ad invasare le pietanze per la cena anziché impiattarle.

Ci ho messo un intero pomeriggio, solo cucinando per due, (e non perché i piatti fossero complessi!) ma mi sono divertita come una bambina e ne è valsa la pena.

Ora vi dico e vi mostro come era articolata questa cena dei bicchieri ma prima sollevo il problema che mi si è presentato al momento di pensare alla tavola: che piatti si mettono per servire dei bicchieri? Naturalmente dei sottobicchieri. Bene, problema risolto…peccato che io non abbia mai avuto un sottobicchiere. E la tovaglia? Vorrei qualcosa di colorato, ma io e la mia voglia di bianco in tavola non abbiamo tovaglie colorate. Però abbiamo delle tende. Bene, vada per le tende, problema risolto. Per i sottobicchieri decido di usare dei dischetti in cartone ondulato che separavano nella loro scatola un set di tazzine e piattini, e dei dischi più grandi ritagliati da un cartoncino. Evvai!

IMG_8183

E ora veniamo al dunque:

Antipasto

PINZIMONIO IN SALSA DI FORMAGGIO “BLU”
i nachos erano sbriciolati e nascosti sotto la salsa di avocado e tequila
SCAMPI ALLA TEQUILA IN SALSA MARGARITA DI AVOCADOS CON SORPRESA DI NACHOS (nel senso che erano sbriciolati e nascosti sotto la salsa!)

 

Primo

FARFALLE CON VERDURINE E SCAMPI CONDITA CON "PISTOU"
FARFALLE CON VERDURINE E SCAMPI CONDITE CON “PISTOU”

Secondo

POLPO CON PATATE IN SALSA VERDE
POLPO CON PATATE IN SALSA VERDE

 

Dessert

PESCHE CON AMARETTI E PINOLI
PESCHE CON AMARETTI E PINOLI 

 

Ma sapete che era tutto proprio buono?! La palma d’oro va agli scampi alla tequila ma la scoperta che mi ha resa più felice aprendomi numerose possibilità è stato il “pistou” – una salsa di origine provenzale simile al nostro pesto genovese ma senza formaggio. Pestando basilico, pinoli, aglio e olio, si ottiene una salsa dalla consistenza più leggera rispetto a quella cui siamo abituati e che si presta a svariati usi. In questo caso per la pasta, che è stata servita fredda con delle verdure saltate in padella (qui, zucchine e peperoncini verdi piccanti) dei pomodorini ciliegia e degli scampi.

Gran soddisfazione vi dico! E divertente mangiare (e bere naturalmente, ché una bella bottiglia di prosecco non ce l’ha tolta nessuno!) nei bicchieri.

Un brindisi dunque è d’obbligo…Cin Cin!

 

 

 

 

 

 

 

Straccetti all’aceto balsamico

Fino ad ora ho parlato solo di verdure; perché mi piacciono molto e perché le trovo versatili e belle. Ma io non sono vegetariana, forse un giorno lo diventerò ma per adesso rinunciare al pesce e alla carne è impensabile. Naturalmente sto attenta alla qualità, non solo del prodotto in sé ma anche per ciò che riguarda il modo in cui gli animali sono allevati, nutriti e seguiti. So che questo non cambia l’esito finale ma sapere che l’animale è stato allevato con criteri che seguono la sua natura, senza sfruttamento massivo e con alimenti sani, se non mi pacifica completamente l’anima, almeno mi dà una garanzia in più per la salute. Ecco dunque una ricetta a base di carne:

Straccetti all’aceto balsamico

per 2-3 persone

Fettine di manzo o vitello per carpaccio* (tra i 400 e i  600gr ma dipende da quanto siete mangioni)

3 grosse carote*

1 cipolla rossa*

aceto balsamico

Olio e.v.o*

Sale e pepe q.b.

le verdure nel mixer
le verdure nel mixer

Tritare finemente col mixer la cipolla e le carote. Buttarle in padella con l’olio e cuocerle aggiungendo via via un po’ d’acqua in modo che non si asciughino troppo e restino morbide. Intanto tagliare a striscioline la carne e, una volta cotte le verdure, gettare in padella gli straccetti. Il taglio della carne per carpaccio essendo molto sottile richiede tempi brevi (la perdita di tempo sta nel tagliarla) quindi velocemente farli rosolare da ambo i lati cercando di separarli perché tenderanno a restare tutti insieme appassionatamente; salare e pepare e negli ultimi minuti di cottura spruzzare con aceto balsamico e a fiamma viva farlo evaporare. Se piace, aggiungere una manciata di prezzemolo tritato e servire con un contorno semplice di patate al vapore o verdure in pinzimonio.

Straccetti all'aceto balsamico

Verdure per pinzimonio
Verdure per pinzimonio

*ingredienti biologici