Cachi mela, frutti d’autunno. Alcuni spunti per usarli in cucina.

Processed with MOLDIV

Fornelli tremate le streghe son tornate!

E anche le massaie contemporanee; per quanto tempo, non è dato sapere ma tant’è; è una prerogativa delle casalinghe tsoccole – altra faccia delle massaie contemporanee – quella di andare e soprattutto venire quando vogliono.

Prendetemi finché ci sono insomma.

img_0986

In questi giorni, grazie al bel regalo di due amici, mi ritrovo in casa con un bel po’ di “cachi mela” e tra i vari esperimenti fatti per costruirci intorno qualche ricetta ve ne voglio segnalare due – uno salato e uno dolce:


Insalata di pollo, avocado e cachi-mela grigliati

img_3283-1

– 1 avocado maturo ma sodo 

– 1 o 2 cachi mela maturi ma sodi

– 2 o 3 fette di petto di pollo (maturo ma sodo? si, praticamente una milf d(a)elle carni bianche)

– olio e.v.o 

– sale e pepe

– aceto balsamico

Grigliate i petti di pollo salandoli leggermente da entrambi i lati una volta che ne avrete sigillato i succhi; intiepiditi, tagliateli a striscioline; intanto avrete sbucciato e tagliato a fette/spicchi i cachi e a questo punto potrete iniziare a grigliarli nella stessa griglia usata per il pollo (sarà sufficiente passarla con un po’ di carta per togliere le tracce più grossolane della precedentw cottura), salateli leggermente e uniteli alla carne e a questi aggiungete poi l’avocado tagliato a fettine (anche con una mandolina se la consistenza del frutto lo permette). A parte emulsionate olio, pepe, un poco di sale e aceto balsamico e condite la vostra insalata di pollo.

image-1

 
Crumble di cachi mela (per 3 persone)

img_3267

– 4/6 cachi mela (secondo la grandezza)

– succo di 1/2 limone

– 50 gr di farina

– 50 gr di nocciole tritate finemente

– 65 gr di burro + un pezzettino

– 4 cucchiai di zucchero di canna chiaro

Preparate prima il crumble così da poterlo far riposare in frigo mentre preparate la frutta: in una ciotola unite la farina, 2 cucchiai di zucchero, la farina di nocciole e i 65 gr di burro ben freddo tagliato a cubetti; procedete pizzicando e lavorando gli ingredienti il meno possibile ottenendo un composto tutto briciole.

Sbucciate e tagliate a pezzettini i cachi mela. In un pentolino fate sciogliere un pezzettino di burro e unite la frutta, il succo di limone, gli altri 2 cucchiai di zucchero e fate cuocere a fiamma media per 5 minuti ( o almeno finché la frutta si sarà ammorbidita). Ungete una piccola pirofila o degli stampini monoporzione e ricopritene il fondo con la frutta cotta; 

image-3

ricopritela con le briciole di impasto e infornate a 180 gradi per circa 20/25 minuti o fin quando lo strato di crumble sia ben dorato e ai bordi si sia formato un leggero “bruciaticcio” dovuto al caramello della frutta.

image-copia

Servite tiepido e accompagnato, per farlo ancora più goloso, da un po’ di gelato al fior di latte. 

image

Crumble di melanzane

IMG_0870

Come annunciato qui, ho fatto il crumble di melanzane (o, come lo chiama José Marechal – mon amour, poeta dei bicchieri – “crumble niçois al formaggio di capra”).

Vi risparmierò (tenendomi salda alla sobrietà di “chi si loda si imbroda”) superlativi e punti esclamativi. Concedetemi solo un’espressione…

IMG_0882

 

…facciale.

Ingredienti (per 4-6 bicchieri/barattoli):

 

IMG_0871

per il crumble

Farina 200gr*

Burro 100gr*

1 tuorlo d’uovo*

2 prese di sale

per la crema al formaggio

Formaggio caprino fresco 120gr

Latte caldo q.b.

Olio e.v.o 2 cucchiai*

2 prese di sale

2 prese di pepe

per le melanzane

(o altra verdura vogliate usare; José suggerisce una vera e propria ratatouille con anche zucchine e peperoni)

1 cipolla*

4/6 melanzane (secondo grandezza)*

Pomodoro (pezzettoni o pelati ma sgocciolati bene)*

Olio e.v.o*

Sale e pepe

Timo

Per la pasta del crumble procedete unendo tutti gli ingredienti (il burro un po’ ammorbidito e a pezzetti) e pizzicandoli in modo da formare tanti granuli che farete riposare in frigo per almeno 30 minuti. Poi, dopo averli disposti su una placca foderata di carta forno, fateli cuocere a 180° per qualche minuto, finché non saranno dorati. Lasciate freddare bene.

Il crumble

Il crumble

Cuocete la verdura facendo ammorbidire la cipolla tagliata fine in padella con l’olio. Aggiungete le melanzane pulite e tagliate a tocchetti (lasciate la buccia!), fatele saltare bene dopodiché aggiungete il timo, il sale e il pepe e infine il pomodoro (quel tanto che basta a dare colore e amalgama ma non deve essere troppo). Terminate di cuocere aggiungendo un po’ d’acqua se necessario. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente.

Mettete il caprino in una ciotola, aggiungete sale, pepe e olio e poi tanto latte caldo quanto basta per creare una crema.

IMG_0866

IMG_0865

A questo punto scegliete bicchieri o barattoli che più vi piacciono e componeteli a strati: le melanzane, la crema di formaggio e infine il crumble sbriciolato sopra.

IMG_0867

IMG_0868

IMG_0869

IMG_0872

Quando andrete ad assaggiarlo, col cucchiaino cercate di penetrare a fondo e prendere insieme i tre strati: in bocca sarà un delicato connubio di sapori. Spero che vi conquisti come ha conquistato me.

*ingredienti biologici

CRUMBLE DI PESCHE

CRUMBLE DI PESCHE

 

 

José Maréchal, l’uomo dei bicchieri; quello che occupa i miei sogni quando li lascia liberi mio marito. Dal suo libro sto traendo un sacco di spunti e ricette che mi piacciono piacciono piacciono.

Lui mi ha fatto scoprire il CRUMBLE e io lo adoro. Il crumble è una “sbriciolata” a base di farina e burro da realizzare sia dolce che salato e aromatizzato in vari modi a copertura di uno strato morbido (un po’ come avviene nel procedimento della torta amaretti e mandorle) che può essere a base di frutta o di verdura.

Il mio prossimo appuntamento per il crumble sarà con le melanzane ma oggi vi parlo del crumble di pesche e di come l’ho realizzato (io).

Per la pasta:

100gr di farina semintegrale*

100gr di zucchero di canna*

50gr di mandorle in polvere*

50gr di nocciole in polvere*

120gr di burro semisalato

vaniglia

Per le pesche:

8 pesche gialle

6 cucchiai di zucchero di canna

succo di ½ limone

2 cucchiai di Amaretto di Saronno

Pinoli

Sbucciare e tagliare le pesche a dadini e metterle in un tegame con lo zucchero e il succo di limone, lasciar riposare mentre preparate l’impasto del crumble: in una ciotola unire al burro (tagliato a pezzetti e ammorbidito a temperatura ambiente) tutti gli ingredienti e lavorare con la punta delle dita senza impastare; dovrà risultare un composto tutto granuloso e non compatto da far riposare in frigo per almeno 15 minuti.

Accendete il fuoco sotto il tegame e lasciate cuocere le pesche finché risulteranno morbide e il liquido si sarà un po’ assorbito. Una volta pronte aggiungere una manciata di pinoli e l’amaretto e riporre in frigo.

Scaldare il forno a 180° e cuocere le briciole di pasta stese su una piastra coperta di carta forno finché non saranno dorate, poi lasciar raffreddare.

IMG_9041

Servire il crumble componendolo in bicchieri o coppette con la frutta alla base e il crumble sbriciolato sopra. Godete.