Riso&Rosa

Sai cosa?

Mi prendo un po’ di polvere di rosa.

Col sorriso unisco l’acqua di riso

e impasto una maschera da viso.

Polvere di rosa damascena di Le Erbe di Janas , azienda sarda che produce erbe per la cura e la bellezza di corpo e capelli. La si può acquistare on line o nelle bio-profumerie

Mescolo bene

scaccio le pene

mi bèo del colore

non penso al dolore.

Sono (bugiarda!) assai calma,

con le dita la crema si spalma.

Aspetto: 1, 2, 3…10 minuti

e quando finalmente son finiti

tenere in posa 10-15 minuti prima di risciacquare

sciacquo e mi rimiro

mi guardo in giro

tocco e constato

il dolce morbido risultato.

La rosa damascena – o mosqueta – ha proprietà molto utili per la pelle: illuminante, addolcente, lenitiva e rinfrescante. È indicata per ogni tipo di pelle ma giova particolarmente a pelli mature e sensibili. Sotto forma di polvere, ottenuta dai petali essiccati, è ottima per realizzare maschere di bellezza.

29695369-0f1e-4894-b207-bb869caf0a3d

 

Io l’ho unita all’acqua di cottura del riso, tiepida (e naturalmente senza sale), che ha anch’essa proprietà emollienti e idratanti per la pelle. Dopo averla tenuta in posa, l’ho rimossa con una spugnetta indi ho sciacquato e terminato la routine di bellezza applicando un siero all’acido ialuronico; ma ognuno ovviamente potrà applicare ciò che preferisce: tonico, crema, gel oppure niente.

Marmellata di peperoncini

IMG_1146È settembre, mese di ri-partenze: si riparte con la scuola, col lavoro e anche con le vacanze – no, non è un refuso, io le vacanze vere devo ancora farle. Un settembre ancor più nostalgico quest’anno, perché malinconico di un’estate che non fu. Un’estate che ci ha lasciato senza scorte per l’inverno (poco sole, poco calore, come reagirà il nostro corpo? e la nostra mente?)…

…niente scorte tranne quella di peperoncini. Si perché il mio orto sul balcone ha dato buoni frutti e tra peperoncini calabresi, habaneros e peperoncini tradizionali, il mio sarà un inverno hot.

IMG_0978Da qualche anno con mi corazón abbiamo l’abitudine di includere nel nostro orto urbano i peperoncini, per fare la marmellata. Quelli tondi come palloncini (che si possono fare anche ripieni) che quest’anno col poco sole e l’acqua abbondante sono venuti polposi, cicciotti; poco piccanti rispetto al solito purtroppo. Ma a pareggiare il conto in cucina ci penserà il messicano.

IMG_0979

La marmellata di peperoncini è molto buona con i formaggi, in particolare quelli freschi; ma si accosta bene anche alla carne – lesso, bollito, fiorentina – e la parte più noiosa della realizzazione è la pulitura: i peperoncini vanno lavati, aperti e svuotati dei semi (con guanti e in un luogo ben arieggiato), per il resto è piuttosto veloce.

IMG_1018
pulendo peperoncini sul terrazzo

 

Ingredienti:

(la dose mi è stata imposta dall’orto…voi però potete farne anche meno…o di più!)

Peperoncini tondi calabresi (già puliti) 1200gr

Zucchero 600gr

½ bicchiere d’acqua

1-2 cucchiai di aceto di mele

IMG_1017

Dopo aver pulito i peperoncini e averli fatti a pezzetti grossolani, mettere tutti gli ingredienti sul fuoco e far cuocere coperti finché i peperoni non saranno belli morbidi. Togliere il coperchio e far evaporare un po’ di liquido se necessario. A quel punto col frullatore ad immersione frullare tutto fino ad ottenere una consistenza bella liscia – fate la prova del piattino e capirete se necessita di ulteriore cottura per addensarsi; altrimenti procedete ad invasare nei barattoli sterilizzati. In alternativa al frullatore a immersione, in caso di peperoncini molto piccanti, potrete usare il passatutto che eliminerà la buccia lasciando la marmellata più dolce, ma io consiglio la prima soluzione.

IMG_1020

p.s. conoscete l’Accademia Italiana del Peperoncino?