Spicciola cronaca di una sera qualunque ma non così qualunque perché è la sera di un giorno parecchio pesante.

IMG_5328

 

Mi son messa a pulire dopo cena.

Era tanto.

Ho iniziato intenzionata a scrivere, non so cosa ma qualcosa. Mi son detta non ce la faccio, e son rimasta sul divano. Son partita a preparare alcune cose per lavoro intenzionata ad infilarmi poi nel letto e son finita a pulire il bagno passando per la cucina.

Ora in sottofondo musica di tango e il ronzio dell’essiccatore.

poche ore prima….

I parenti della massaia contemporanea

CASALINGO VINTAGE che prepari stasera?

MASSAIA CONTEMPORANEA Eehhh stasera muscolo di grano…

CASALINGO VINTAGE Ah

MASSAIA CONTEMPORANEA è mercoled…

CASALINGO VINTAGE mercoledì vegano, ti becchi il muscolo di grano!

MASSAIA CONTEMPORANEA 😀

Annunci

Ho-oponopono. Desiderio di lentezza nelle vesti del Bianconiglio

Caro Io, (e cari voi). Mi scuso.

Mi dispiace, perdonami, grazie, ti amo. È un periodo faticoso, in cui vedere rosa è difficile e trovare il tempo per parlare (o scrivere) è quasi impossibile. Un periodo di lavoro sodo (bene) in cui tutto si concentra nel medesimo tempo, a corsa, ( male); in cui i soldi comunque non si vedono (peggio) e la qualità della vita va a farsi fottere.

Un periodo di molte cose belle vissute in fretta. Non mi resta che fare un bieco resoconto di tutto ciò che avrei voluto assaporare sotto l’egida della lentezza e che invece si risolve in un insulso riassunto.

Del mio aggiornamento agli “anta” che mi ha trasformata in massaia 4.0

Del mio nuovo essiccatore e dei primi esperimenti

Della zuppetta di polpo in umido con patate

Dell’ingresso nel mondo dei lettori elettronici e del Kobo che non volevo (notare il verbo al passato)

Dei prodotti dell’azienda “Barche in cielo”

Della zuppa di zucca gratinata al forno

Di come questo nostro paese mi faccia sempre più schifo e di come il mondo intero sia in balìa dell’animale più ignobile: l’uomo

Del GHI (burro chiarificato) e del medico ayurvedico

Del fatto che il mio corpo non regge lo stress e di come reagisca sempre nello stesso modo

Della farina di mandorle

Delle persone care che stanno male

Delle guance morbide di Falù

Di quanto sia difficile sbarcare il lunario e di come questo influenzi la vita di coppia

Degli spettacoli belli

Del giorno in cui avrei voluto mettere una bomba ai vigili urbani di Prato

Del grano “all’antica”

Del mio amore

Della ridicola prassi di far arrivare il Natale sempre prima e di come a me già sarebbe sufficiente il periodo 8-25 dicembre

Degli amici.

Degli amici.

Degli amici.

Di tutto questo ho scritto solo nella mia testa ma anche lì, in fretta e male. Abbiate pazienza, e spero di averla anche io. Ho bisogno di tempo e invece son diventata la sorella ansiosa del Bianconiglio.

Passi

IMG_1906.JPG

26 ottobre 2014
Oggi, nel mettere un po’ d’ordine, ho buttato le mie prime scarpe da tango (Tango Leike); da tango prima e da sandalo poi, quando ho salito qualche centimetro di tacco. E nell’atto di gettarle non ho potuto fare a meno di ringraziarle. Non era tanto il dispiacere di gettarle quanto di gettarle così, come un oggetto qualsiasi, loro che invece erano testimoni di un grande vissuto, solo in piccola parte tanguero. Per un attimo, solo per un attimo, ho pensato di seppellirle o interrarle in un vaso, per fortuna un attimo non mi è stato sufficiente ad arrivare sul terrazzo.
Però qualcosa ho fatto: ho scritto un biglietto. A loro e forse anche a me.

Ona! Ona! Ona! ma che bella rificolona!

10698710_10203809602474073_2439696477334222261_n

 

Ona Ona Ona ma che bella rificolona

la mia l’è co’ fiocchi, la tua l’è co’ pidocchi!

è più bella la mia, di quella della zia…*

Sapete cos’è la festa della Rificolona, che si festeggia a Firenze il 7 settembre? (oltre che la mia festa preferita intendo…)

Così la definisce il “VOHABOLARIO del vernacolo fiorentino e del dialetto toscano di ieri e di oggi” di Stefano Rosi Galli:

La rificolona (pronuncia rifiholona o rifriholona) è una festa tradizionale fiorentina. la sua origine risale a prima dell’800, quando tutti i contadini, la sera del 7 settembre, vigilia della festività religiosa che commemora la natività della Madonna, a cui Firenze è devota, s’incamminavano dalle colline di Vallombrosa e  dell’Impruneta in una lenta marcia verso piazza Santissima Annunziata, sia per rendere omaggio alla Vergine Maria, sia per vendere i loro prodotti sotto il loggiato dello Spedalino degl’Innocenti. Il termine sembra che derivi da “fierùcola”, cioè una fiera di non eccessiva importanza. Mentre la tradizione di portare lanterne di carta, si deve al fatto che la città, fin dal XIII secolo, veniva illuminata soltanto dalle lampade a cera o ad olio poste per lo più agli angoli delle vie. I primi lampioni, prima a olio, poi a gas, e infine elettrici, arrivarono solo nell’800. La sera del 7 settembre i pellegrini si accomodavano sotto i loggiati della piazza e alla luce dei loro lampioncini di carta o tela colorata cantavano le laudi alla Vergine. E da qui è poi nata la tradizionale festa come la conosciamo oggi. Negli anni ’50, questa pittoresca festa fiorentina si svolse anche sull’Arno e precisamente a monte del fiume, nel tratto fra Bellariva e la Pescàia di San Niccolò. I bambini, quando si incamminano verso la festa, sono soliti cantare una tipica filastrocca che tutti conoscono*. San Giovanni Valdarno è l’unico paese della vallata fiorentina che continua a celebrare la festa. Forse per rivendicare, come dice qualcuno, una fiorentinità persa due secoli fa, quando fu stabilito il confine con Arezzo giusto alle porte del paese.

La festa vede i bambini girare per le vie con la loro rificolona di carta, dalle fogge più diverse (sole, luna, casa, lanterna, animali ecc…) appesa alla canna e illuminata dalla candela che sta all’interno. Altri bambini fanno a gara a bucarle con cerbottana e pirulini (prima) o palline di stucco (oggi), infuocandole.

Il Pirulino è un piccolo cono di carta fatto a mano, finissimo e appuntito, usato come proiettile della cerbottana.

IMG_1121

E’ una festa magica.

Patate Arrosto a Ferragosto!

IMG_9861

 

Sono indietro! Sono indietro! Sono indietro!

Ho un sacco di cose da raccontare e poco tempo per farlo. Dopo ferragosto mi rimetto in carreggiata.

Intanto vi auguro un felice e lungo weekend di mezz’agosto e vi lascio la mia ultima scoperta che potrà esservi utile in caso il maltempo vi faccia girare le pelotas e abbiate voglia di golosità al punto da usare il forno: patate arrosto time!!!

Le ho fatte qualche giorno fa e sono risultate le migliori che abbia mai fatto (ma non che io sia una esperta di patate al forno…).

Avevo delle patatine novelle biologiche che volevo cucinare con la buccia e guardando in rete ho letto un articolo che è risultato molto prezioso. Leggetelo, io mi sono arrestata al “segreto” n°1 aggiungendo poi il trito di erbe fin da subito perché avevo fretta…e sono venute buonissime, figuratevi se li seguite tutti!

Rosmarino/ramerino

Rosmarino/ramerino

p.s. Avevo delle fettine di pane secche (di una frusta da crostini), le ho bagnate con un po’ d’acqua e le ho messe a cuocere insieme alle patate avendo cura che toccassero il fondo con l’olio… 😛

IMG_7761

salvia

Dieta si ma profumata!

20140709-172116-62476819.jpg

Coniugi a dieta. Inutile dire che la cosa è piuttosto scocciante. C’e di buono che è estate e risulta tutto in po’ più facile.
Ieri con l’insalatona mista (insalata, pomodori, cetrioli, tonno e carote) e le gallette sottili di farro (a mio gusto molto più buone e saporite di quelle di riso che proprio non riesco a farmi piacere) ho fatto un piccolo esperimento aggiungendo delle erbe aromatiche. Foglie intere (non troppo grandi) di basilico, prezzemolo e menta hanno dato gusto e freschezza all’insalata.
Da replicare alla prossima. Ovvero molto presto. 😣

Rivisitazioni

 

IMG_8761

Per fortuna non sempre è necessario inventarsi chissà quali complicate ricette; talvolta basta rivisitare con un po’ di grazia le cose buone di tutti i giorni. Ecco due idee per un antipasto o un aperitivo.

Burro e acciughe:

usate del burro prezzemolato e un fiore di cappero per rendere un crostino “burro e acciuga” più invitante. Sarà sufficiente aggiungere del prezzemolo tritato al burro ammorbidito prima di spalmarlo sul pane tostato e aggiungere un fiore di cappero (magari di Pantelleria) per far compagnia all’acciuga.

Burro e acciughe

Burro e acciughe

Uova al tegamino:

io le adoro! Però è difficile proporle a degli invitati. Ma non se si usano delle uova di quaglia cotte in una formina per biscotti e adagiate su crostini di pane tostato tagliato con la medesima forma.

IMG_8824

Uova di quaglia al tegamino fiorito

 

IMG_8468

 

 

Se poi trovate dei peperoncini verdi dolci della misura giusta, potrete sostituire le formine dei biscotti con delle rondelle di peperone che avrete prima scottato nella padella antiaderente!

 

 

INSTA PHOTO SHOW

Instaphotoshow

 

 

Siete utenti instagram?

Se lo siete o volete diventarlo, se vi piace fotografare il cibo per condividere ciò che cucinate o qualcosa di buono che vi hanno appena servito al ristorante

allora potete partecipare al challenge Insta Photo Show condividendo e usando gli hashtag della portata della settimana che trovate sul sito insieme al regolamento completo.

Ogni settimana, dal 9 giugno al 13 luglio un tema culinario diverso.

Si vincono buoni sconto Mediaworld e le cornici ecologiche Tonki (a cui io punto perché mi piacciono tanto!)

In bocca al lupo!

p.s. Se vi va di seguirmi su instagram, io sono kukisia.

 

 

 

Riporto di seguito il comunicato stampa

 

I 250 migliori scatti saranno esposti a Lucca nel mese di settembre

INSTAPHOTOSHOW 2014: UNA SFIDA FOTOGRAFICA A COLPI DI…CIBO

La cucina come forma artistica. Dal 9 giugno al 13 luglio basta un click con il proprio smartphone o tablet per partecipare al “challenge” su Instagram e ricevere buoni omaggio

E’ dedicata al cibo la seconda edizione di “Instaphotoshow”, la sfida fotografica ideata a Lucca e aperta liberamente a tutti, che promuove la creatività e l’uso “social” di internet. Dal 9 giugno al 13 luglio sarà sufficiente condividere tramite la popolare applicazione “Instagram” gli scatti realizzati con il proprio smartphone o tablet sui 5 temi relativi al mondo della cucina e del gusto, che saranno svelati di settimana in settimana sul sito ufficiale wwwHYPERLINK “http://www.instaphotoshow.com/”.HYPERLINK “http://www.instaphotoshow.com/”instaphotoshowHYPERLINK “http://www.instaphotoshow.com/”.HYPERLINK “http://www.instaphotoshow.com/”com, per avere la possibilità di ricevere in omaggio buoni acquisto Mediaworld fino a 150 euro di valore e cornici ecologiche Tonki.

Dopo il successo dello scorso anno con la partecipazione di oltre 2200 fotografie, la sfida “Instaphotoshow 2014”, organizzata dall’associazione no-profit S.I.P.S.I. (Società Italiana dei Professionisti delle Scienze dell’Informazione) in collaborazione con lo Studio Wasabie laCooperativa Linketto, si rilancia mettendo al centro una delle tematiche più in voga nel web negli ultimi mesi: il cibo. Cibo che non solo deve essere inteso come nutrimento, ma anche come ricerca del benessere, forma artistica o di valorizzazione delle tradizioni locali e delle sue genti.

E’ tenendo in considerazione questi aspetti, nonché la tecnica di scatto e l’originalità, che un apposito gruppo di esperti selezionerà le foto più belle che riceveranno gli omaggi messi a disposizione dagli sponsor. Per ciascuno dei cinque temi settimanali saranno individuati tre autori più bravi. Al primo andrà un buono Mediaworld da 150 euro e una cornice Tonki, al secondo un buono Mediaworld da 50 euro e la cornice Tonki, al terzo una cornice Tonki.

La sfida coniuga inoltre il web con il territorio. Le migliori 250 foto selezionate saranno stampate ed esposte al pubblico per la “Instaphotoshow – Exibition 2014”, che si svolgerà nel mese di settembre a Lucca. Lo scorso anno furono 8 mila i visitatori della mostra allestita nei locali del museo Must di Lucca, mentre in concomitanza con l’inaugurazione venne organizzato un tour fotografico alla scoperta della città, a cui presero parte persone provenienti da tutta la Toscana e non solo.

A “Instaphotoshow 2014” può partecipare liberamente chiunque. E’ sufficiente essere residenti, domiciliati oppure contattabili in Italia. Non c’è limite al numero di foto condivise – e quindi inviate – per la sfida. L’importante è che siano rispettati il regolamento e i temi settimanali sotto forma dei cosiddetti “hashtag”, che saranno pubblicati a partire da lunedì 9 giugno. Gli autori selezionati saranno ricontattati a inizio settembre.

 

 

 

Cosa dice una foglia di salvia prima di essere fritta? “Salviateeemi!”

IMG_7792

 

Storia stagionale di una salvia fritta

Sono Salvia!” Disse tuffandosi nella pastella.

Sono fritta!” Disse dall’orlo della padella…

IMG_7775

Con i 12 cm di alcune foglie, quest’anno la pianta di salvia si è superata. Ogni nuova stagione il primo sviluppo fogliaceo arriva a dimensioni davvero importanti, di quelle che non passano inosservate e che non ti permettono di sorvolare sull’idea di cucinare la salvia fritta. E allora, anche quest’anno, si fa!

IMG_7793

Solitamente la preparo ripiena con l’acciuga e tuffata, una volta piegata la foglia a metà, in una pastella semplice di acqua fredda (o birra fredda) e farina.

Questa volta però, convinta di avere un barattolino di acciughe ancora da aprire, sono rimasta fregata perché non c’era. (O almeno in quel momento era uscito dalla dispensa, perché un’ora dopo quando ci è passato il “casalingo vintage” era lì in bella mostra di sé. Forse era andato a far visita al barattolo dei fagioli)

Fatto sta che a quel punto non si poteva tornare indietro, l’idea della salvia fritta si era insinuata troppo a fondo facendosi già intuire sulla lingua ed era impensabile rinunciarci. Tanto più che sarebbe seguito uno spaghetto al pesto di rucola che col suo gusto fresco avrebbe fatto da contrappunto perfetto.

E allora ho deciso di cucinarla semplice ma di friggerla in una pastella un po’ più sostanziosa, con l’uovo. Risultato ottimo e ripetibile.

IMG_7795

Ma la prossima volta, doppietta! Intanto vado ad allucchettare le acciughe…